Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesassariSaluteSanità › «Tensione in ospedale, sicurezza a rischio»
Cor 17 ottobre 2020
«Tensione in ospedale, sicurezza a rischio»
E´ la dura presa di posizione di Antonio Monni, Segretario Territoriale Cisl del Sassarese. «Incapacità e improvvisazione complessiva di tutto il sistema»


SASSARI - «Il repentino e significativo aumento degli accessi al pronto soccorso di persone con sintomatologia da covid era più che prevedibile, come sindacato abbiamo più volte sensibilizzato, segnalato ed infine sollecitato la Direzione aziendale affinché l'emergenza fosse governata con collegialità e pieno coinvolgimento delle organizzazioni sindacali, degli RLS (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza), ma soprattutto con il prezioso apporto di chi quotidianamente combatte contro il coronavirus. Eppure l'esperienza del "lockdown" della scorsa primavera avrebbe dovuto insegnarci come prepararci a limitare i danni della c.d. "seconda ondata", ma è sotto gli occhi di tutti che la totale assenza di programmazione e per certi versi l'incapacità e l'improvvisazione complessiva di tutto il sistema, non lascia dubbi sul fatto che l'ospedale e la sua capacità di governare i bisogni di salute complessi, è seriamente messo alla prova». E' la dura presa di posizione di Antonio Monni, Segretario Territoriale Cisl.

«Ad oggi la situazione è davvero preoccupante e i numeri non fanno ben sperare ad un dimensionamento del fenomeno, tant'è che al pronto soccorso l'area covid sarebbe "sold out", in altre parole ci sarebbero 7/8 persone in attesa del referto del tampone poiché presentano uno o più sintomi riconducibili al covid. Le unità operative più sensibili ed in difficoltà sono senza dubbio le Malattie infettive e la Pneumologia, rispettivamente con 40 posti letto più 4 PL bis (tot. 44), 20 Pl più 3 PL bis (tot.23). Ma la di là del sovraffollamento, la cosa più grave e che abbiamo denunciato più volte è la carenza di personale, che al di là del sovraffollamento delle degenze, è aggravata dai carichi di lavoro davvero proibitivi, anche a causa della tipologia di dispositivi di protezione che ciascun operatore è tenuto ad indossare. Riconvertire l'unità operativa di Clinica medica come covid, con tutta onestà ci sembra azzardato, anche perché, per citare una criticità, il personale non avrebbe alcuna formazione per la gestione di questa tipologia di pazienti. Potrei continuare con altrettanti esempi, uno fra tutti la difficilissima situazione dei pazienti fragili della Geriatria e Gastroenterologia, dove ci sono stati casi di positività al coronavirus che sono stati prontamente inviati nei reparti dedicati».

«Ma nell'auspicare un cambio di rotta da parte di chi ha responsabilità gestionali e decisionali, approfittiamo dell'occasione per ribadire un concetto, peraltro già manifestato in diverse occasioni ed in tempi non sospetti, che sarebbe quello di ipotizzare una modalità di gestione della difficile situazione su due livelli di responsabilità e decisionali: il primo è il governo dell'ospedale, il secondo il governo dell'epidemia, e non come accade adesso dove ci si occupa di entrambe le cose. Non sarebbe neppure sbagliato recuperare spazi e personale accorpando quelle unità operative che, a causa dell'epidemia, stanno operando a bassi regimi, per cui le Direzioni aziendali devono decidere subito ed in fretta di riorganizzarsi in tal senso, coinvolgendo le rappresentanze delle lavoratrici e lavoratori, sfruttando le preziose professionalità che abbiamo in azienda e che a tutt'oggi non vengono ascoltate, ma se fossero più coinvolte sarebbero in grado di dare un contributo determinante al contenimento ed il diffondersi del contagio» conclude la nota della Cisl.
Commenti
17:02
Si tratta di un 79enne residente nel nord Sardegna, un 85enne del Sud Sardegna e un 76enne della Città metropolitana di Cagliari. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 221 nuovi casi: 147 rilevati attraverso attività di screening e settantaquattro da sospetto diagnostico
19/10/2020
Si libera viale Italia dalla sosta dei mezzi di soccorso. Le aree di sosta sono state realizzate nel retro del Pronto soccorso e l´accesso sarà regolamentato dal portiere in servizio nella guardiola di viale Italia
18/10/2020
Si corre ai ripari a Sassari. Attivato da ieri sera, con 8 posti letto e 4 pazienti ricoverati. Nei prossimi giorni prevista una ulteriore struttura che ospiterà i pazienti clinicamente guariti ma ancora positivi che non possono fare ritorno a casa.
19/10/2020
Situato in Clinica Medica ospita già i primi 9 pazienti. A breve l´apertura di altri 9 posti letto di supporto in Patologia Medica
19/10/2020
«Il reparto non ha mai chiuso», precisazioni della direttrice della struttura. Screening su personale e pazienti: tutti negativi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)