Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesardegnaSaluteSanità › Nuova ondata Covid, niente ferie a settembre
Cor 30 agosto 2020
Nuova ondata Covid, niente ferie a settembre
Cresciuti in breve tempo il numero dei ricoverati in Malattie Infettive a Sassari. Salgono a tre i pazienti in terapia intensiva. «La sfida si gioca sul territorio per favorire la guarigione dei pazienti e ridurre i ricoveri»


SASSARI – «Nessuna situazione drammatica o di affanno in Malattie Infettive ma necessità di dover far fronte alla situazione di emergenza che si è creata in questi giorni, dopo i numerosi ricoveri di pazienti arrivati nella nostra struttura dalle aree turistiche del Nord Sardegna». È la spiegazione del direttore della clinica di viale San Pietro a Sassari, professor Sergio Babudieri, che per garantire una migliore organizzazione lavorativa della struttura, ha richiamato a lavoro il personale in ferie programmate a settembre.

«Una scelta dovuta – aggiunge – perché attualmente, nella nostra clinica e in brevissimo tempo, il numero dei ricoverati è in aumento. Parliamo di 17 pazienti, dei quali 3 si trovano in sub intensiva e 3 in terapia intensiva, questi ultimi gestiti nella nostra struttura con il supporto fondamentale degli anestesisti-rianimatori guidati dal professor Pier Paolo Terragni». Al momento, infatti, il centro focale dell'attività si svolge nella sola palazzina di Malattie infettive, separata da tutte le altre strutture assistenziali dell'Aou di Sassari.


«Siamo in una fase di ripresa della malattia – aggiunge professor Terragni – abbiamo avuto diversi ricoveri a vari livelli di complessità che abbiamo centralizzato nella clinica diretta da professore Babudieri». Secondo il direttore della Rianimazione di viale San Pietro, «allo stato attuale la tipologia di presentazione della patologia segue quella che abbiamo sperimentato all'inizio dell'anno, e cioè sono malati con particolari problemi, con comorbilità che predispongono al peggioramento polmonare. Abbiamo, però – prosegue –, anche i casi di pazienti che hanno avuto una espressione della malattia semplicemente dal punto di vista respiratorio».

Intanto, però, il professor Terragni precisa che l'Azienda «sta attrezzando tutta la disponibilità assistenziale e il potenziamento del trattamento dei pazienti all'interno dell'hub. Questo in previsione di una ripresa pandemica, secondo anche le indicazioni dettate dal Ministero e dall'Unità di crisi locale». Secondo i due specialisti è importante adesso il ruolo del territorio: «In questo momento – afferma Pier Paolo Terragni – dobbiamo lavorare molto sul territorio, supportare i pazienti per quanto si può nella situazione di gestione domiciliare e dare disponibilità, come già stiamo facendo, ai casi più delicati e complessi, fino a quelli che entrano in terapia intensiva».

«Il virus è sempre lo stesso – precisa Sergio Babudieri – mentre è cambiato il fatto che noi abbiamo imparato a conoscerlo. Oggi è possibile fare delle diagnosi precoci sul territorio e trattare questi pazienti anche a domicilio. In questo modo è possibile favorire la loro guarigione e ridurre il numero dei ricoveri ospedalieri». Secondo Babudieri, infine, «la malattia sembra evolvere in modo sfavorevole in alcune delle persone in cui non è stata fatta una diagnosi precoce. E se il virus si diffonde nella nostra popolazione, ovviamenti, al pari dell'influenza, verranno colpite le persone più fragili, cioè gli anziani e coloro che soffrono di più patologie. La sfida, in questo momento, è non fare arrivare il virus a queste persone», conclude.
Commenti
13:51
A causa dell’aggravarsi dell’emergenza Coronavirus sono sospese per quindici giorni, fino a lunedì 9 novembre, le attività programmate delle chirurgie e dei Reparti di Dermatologia, Reumatologia, Allergologia e Immunologia clinica
8:30
La scelta di aprire in sordina e senza comunicazioni ufficiali la terapia intensiva e dedicarla ai pazienti Covid genera un terremoto anche negli ambienti politici. «Alghero non può permettersi un reparto Covid, non ha anestesisti e rianimatori a sufficienza» denunciano i consiglieri di minoranza
10:30
Massima allerta nel Centro residenziale anziani comunale a Fertilia, dove una signora è risultata positiva al Coronavirus. Attivate le procedure di tracciamento
12:07
Vista «la gravissima situazione in cui è precipitata la Sardegna dopo l´estate», Uil Fpl, Cgil Fp e Cisl Fp hanno chiesto un incontro urgente all´assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu e al direttore generale Marcello Tidore
7:43
La notizia dell´apertura della terapia intensiva di Alghero, avrebbe dovuto riempirmi di gioia. E invece ha provocato in me solo grande preoccupazione. Preoccupazione perchè un tale evento, atteso da anni, avviene in sordina, senza la presenza delle più alte cariche cittadine, in rappresentanza della comunità tutta, quasi ci fosse qualcosa da nascondere
8:10
Da ieri l'avvio delle operazioni nel reparto di Terapia Intensiva di Alghero ancora mai inaugurato. Disattese tutte le indicazioni e rassicurazioni. Preoccupazione tra il personale medico. Ecco il documento interno che attesterebbe l'apertura del nuovo reparto Covid in emergenza
13:24
Sono invece ventiquattro le persone poste in sorveglianza attiva, in base al report dell´Ats inviato oggi al sindaco Mario Conoci, che annuncia l´intensificazione dei controlli sul divieto di assembramento sull´uso della mascherina
19:04
Il Governatore della Regione Sardegna fa un leggero passo indietro rispetto alle dichiarazioni di 48 ore fa: «Ordinanze più stringenti per i locali pubblici, una riduzione, ma non un blocco, delle tratte aeree e marittime, il ricorso alla didattica a distanza nelle scuole superiori e nell´università»
18:40 video
Si alza lo scontro, Pietro Sartore fa due conti e li "sbatte" in faccia al sindaco di Alghero. «Mentre tutti i sindaci dei maggiori centri del nord Sardegna, da Olbia a Sassari, si scagliano contro l´inaffidabilità dei dati dell´Ats sul diffondersi dei contagi Covid, quello di Alghero li prende come fossero la Bibbia. Sembra proprio non essersi accorto di nulla come Hiroo Onoda, il giapponese che si rifiutava di credere che la guerra fosse finita». Le sue parole
14:36
La Rsa Smeralda ha reso noto che, a seguito degli screening effettuati, trenta ospiti della struttura sono risultati positivi, sul totale di 106. La maggior parte degli ospiti positivi sono al momento asintomatici e in isolamento nella struttura, monitorati e seguiti in stretta collaborazione con l’Unità di crisi regionale
16:31
Difficoltà evidenti su tutto il territorio della regione Sardegna, decisamente impreparato a gestire la seconda ondata Covid. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi in nuovo record di nuovi contagi. Invariato il numero delle vittime: 181.
22/10/2020
E’ la richiesta del consigliere regionale del Movimento 5 stelle Carla Cuccu, segretaria della Commissione Sanità e politiche sociali, che ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas e all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, per chiedere il ripristino dell’ex struttura di Iglesias
20:13
Il gruppo consiliare democratico suona la sveglia al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas e all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu. Presentata un’interrogazione sulla sospensione delle cure radioterapiche ai pazienti oncologici
21/10/2020
Lo comunica il Presidente della Regione Christian Solinas che pensa ad un nuovo lockdown regionale per evitare di compromettere la tenuta del sistema sanitario e la regolare erogazione delle cure. Covid, situazione grave in Sardegna
7:07
Il deputato del Movimento 5 stelle Mario Perantoni si chiede cosa ci potrebbe essere dietro l’idea del presidente della Regione autonoma della Sardegna di blindare l’Isola per quindici giorni
23/10/2020
Rischio Covid. Niente visite di parenti e assistenti in attesa della sanificazione completa dei locali. Si tratta di una procedura prevista dai protocolli sanitari, a garanzia di pazienti e operatori medici
22/10/2020
E´ Sassari la città più colpita. Seguono Cagliari, Olbia e Arzachena. Alghero, a sorpresa, risulta la quinta città più colpita nell´isola. Sono i dati ufficiali dell´Istituto Superiore di Sanità aggiornati al 20 ottobre. I Comuni Covid-free sono 119
22/10/2020
Protocollata una dettagliata interrogazione urgente ad Alghero: «informare il Consiglio sulle misure pensate per favorire il rispetto delle indicazioni normative, quanti e quali controlli ha eseguito finora la polizia locale e se finalmente intenda porsi nei confronti dell´Ats con quella autorevolezza che da un sindaco è lecito attendersi»
23/10/2020
Un caso di positività al Coronavirus è stato accertato nel Settore Ambiente e verde pubblico del Comune di Sassari. Sono già stati avviati tutti i protocolli di sicurezza. Gli uffici del Settore e quello della Compagnia barracellare sono chiusi e riapriranno lunedì mattina
22/10/2020
Il Centro del poliambulatorio Andriolu è stato individuato quale centro di riferimento, per il territorio, per i pazienti con insufficienza renale cronica in dialisi Covid positivi asintomatici o paucisintomatici
22/10/2020
In base ai dati forniti oggi dal Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e sanità pubblica dell’Assl Sassari, il sindaco Gian Vittorio Campus ha reso noto che in città ci sono 264 positivi al Coronavirus, di cui ventinove ricoverati
23/10/2020
«Alghero ha un reparto di Terapia intensiva pronto da tempo, che però continua a restare chiuso». I consiglieri comunali dei gruppi di Centrosinistra Futuro Comune, X Alghero, Sinistra in Comune e Partito democratico denunciano per l’ennesima volta «l’assurdità di avere nell’Ospedale Civile di Alghero un reparto di Terapia intensiva pronto da tempo, ma ancora chiuso»
23/10/2020
Il Reparto Neurologia del Palazzo Clemente si aggiunge agli altri sei reparti già riconvertiti dall’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari e impegnati nella lotta al Coronavirus
22/10/2020
L’azione dell’Ats punta ad alleggerire la pressione affrontata dagli ospedali alle prese con i contagi nell’Isola. Ogni posto letto costerà 66euro a notte al Sistema sanitario regionale
22/10/2020
Impegno dell’assessore regionale alla Sanità per il potenziamento della Casa della salute di Via Dessì e per l’attivazione della RSA/hospice. Martedì, l’esponente della Giunta Solinas ha effettuato un sopralluogo dell’immobile
23/10/2020
Da questa mattina, si aprono le porte del nuovo reparto nell’Ospedale Civile, annunciato da tempo. Stando alle prime indiscrezioni, a differenza di quanto precedentemente comunicato, il reparto dovrebbe gestire e curare anche i pazienti Covid
21/10/2020
In attesa della decisione del presidente della Regione autonoma della Sardegnam arrivano le prime reazione politiche. «Cosa avete fatto per scongiurare questa ipotesi? In estate nessuna programmazione e organizzazione»
23/10/2020
«In Sardegna saranno reclutati a breve quarantacinque tra infermieri ed operatori sanitari ausiliari e quindici amministrativi per data entry», annuncia il sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi
21/10/2020
Proseguono i commenti politici al comunicato del presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, dove si prevedeva una stretta anti-Covid nell’Isola. Ecco la dichiarazione del deputato del Movimento 5 stelle Mario Perantoni


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)