Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariCulturaSocietà › Simona Serci fa luce sulla storia Aragonese
Cor 27 novembre 2019
Simona Serci fa luce sulla storia Aragonese
Uno studio ricostruisce per la prima volta i complessi documentari conservati negli Archivi di Stato di Cagliari, Palermo, Napoli e Barcellona. Presentazione in programma il 28 novembre alle 16.30 presso la Cittadella dei Musei di Cagliari in un evento promosso dall´Università di Cagliari e dalla Biblioteca di Sardegna


CAGLIARI - Oltre tre anni di studio e ricerca tra gli archivi di Italia e Spagna e un sogno: ricostruire la storia aragonese nel Mediterraneo, dalla Penisola iberica a quella italica, lungo un viaggio della memoria
tra i Regni di Sicilia, Sardegna e Napoli. Protagonista ne è l'archivista Simona Serci, originaria di Iglesias, dottore di ricerca in Scienze
librarie e documentarie presso La Sapienza di Roma e attualmente in servizio presso l'Archivio generale dell’Ordine carmelitano di Roma, che ha firmato per la prima volta uno studio completo sui complessi documentari conservati negli Archivi di Stato di Cagliari, Palermo, Napoli e Barcellona, ma anche presso diversi archivi storici comunali.

Esito ne è una ricerca enciclopedica di oltre 700 pagine vincitrice del Premio nazionale Bibliographica e confluita in un volume dal titolo "Corona d'Aragona e Mediterraneo" pubblicato dall'Editoriale Documenta, che l'autrice presenterà giovedì 28 novembre alle ore 16. 30 presso l'Aula Roberto Coroneo della Cittadella dei Musei di Cagliari, in un incontro promosso dal Dottorato di ricerca in Storia dell'Università di Cagliari in collaborazione con la Biblioteca di Sardegna.

A parlarne con l'autrice sarò un ricco parterre di relatori composto da Mariangela Rapetti, Cecilia Tasca e Olivetta Schena dell'Università di Cagliari e da Gemma T. Colesanti dell'Isem-Cnr di Roma. «Il lavoro — spiega la storica Olivetta Schena — colma un vuoto nella storia degli archivi sorti per iniziativa dei sovrani della Corona d’Aragona nei Regni di Sardegna, Sicilia e Napoli, con un obiettivo ambizioso ma pienamente centrato che è stato quello di ricostruire i complessi documentari così come si sono sedimentati e sono stati tramandati nel tempo, senza trascurare gli eventi che ne hanno alterato l’ordine originario, in seguito ad incuria, calamità o successivi interventi di riordino della documentazione».
Commenti
5/4/2020
Un numero verde per chi vuole segnalare casi corruzione, clientelismo e di cattiva amministrazione. Lo ha istituto Libera e risponde all’800-582727. «Anche nella nostra isola dobbiamo tenere alta la guardia e impedire che in questa situazione di emergenza interessi poco trasparenti prevalgano sul bene comune» spiega il referente di Libera Sardegna Giampiero Farru
4/4/2020 video
Da Alghero ha conquistato spazi sempre maggiori tra i vip di tutto lo Stivale come mago della bellezza, dei cosmetici e della cura del corpo. «Dobbiamo avere fiducia nei medici» dice Giacomo Urtis rivolgendosi a tutti i sardi. In questo inedito contesto, Alguer.it, SassariNews.it e tutte le edizioni locali del network, aprono lo spazio editoriale alle più diverse forme di arte, alla cultura, alla musica ed agli appelli al buon senso ed alla responsabilità.


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)