Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaSanità › Sanità nel Sulcis: «Adesso basta»
Red 16 gennaio 2021
Sanità nel Sulcis: «Adesso basta»
«Restituite la dignità alla sanità del Sulcis Iglesiente», è la richiesta inviata dal coordinatore regionale Gianfranco Angioni a nome del Direttivo dell´Usb Pubblico impiego settore sanità, al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, all´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu e al commissario dell´Assl Carbonia


CARBONIA - La Usb/Sanità denuncia «la pessima gestione dei vertici Asl 7 sull'emergenza Covid-19. Nello specifico, si pone l'attenzione sul fatto che nel mese di luglio è stato sancito un accordo tra sindaci e Regione, che individuava come sede del reparto Covid l'Ospedale “Santa Barbara” di Iglesias; Presso l'ospedale “Sirai” di Carbonia doveva essere istituito il reparto di Area grigia, zona filtro importantissima che aveva la finalità di accogliere i pazienti per il tempo necessario ad escludere con certezza una infezione da Covid 19, per poi destinarli nel reparto appropriato. Purtroppo, la mancata riorganizzazione di una rete sanitaria territoriale ha fatto si che, nel momento del manifestarsi dell'emergenza si palesasse la reale entità del depauperamento strutturale ed organizzativo perpetrato in tutti questi anni». A denunciarlo è il coordinatore regionale Gianfranco Angioni che, a nome del Direttivo dell'Usb Pubblico impiego settore sanità, ha inviato una missiva al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, all'assessore regionale della Sanità Mario Nieddu e al commissario dell'Assl Carbonia

«Un'organizzazione mirata ai bisogni e alla necessità della popolazione avrebbe sicuramente permesso di preservare l'unico Ospedale del Sulcis-Iglesiente per curare tutte le altre patologie e ridimensionare l'epidemia da Covid nel Sulcis. Tutta questa pianificazione non è stata attuata dalla dirigenza Asl 7, così dal mese di ottobre i pazienti positivi al Covid-19 stazionavano in Pronto soccorso, luogo non adeguato per tale emergenza. Si fa presente la scelta scellerata dell'unificazione dei reparti di Chirurgia e Urologia – sottolinea Angioni - gli stessi sono stati smembrati ed accorpati per creare l'Area grigia, un reparto mai decollato. Il mese di dicembre ha visto la situazione degenerare, con dei focolai in Medicina, Chirurgia e Traumatologia. In buona sostanza, a causa di questa pessima gestione, non solo sono stati ridimensionati interi reparti che garantivano le cure ai cittadini del territorio, ma è stato disatteso il piano regionale di riorganizzazione della rete ospedaliera in emergenza al Covid-19».

«In questo drammatico contesto d'emergenza, acuito dalla grave e annosa carenza di personale infermieristico e oss, è stato messo a dura prova il lavoro del personale sanitario sempre più stremato da eccessivi carichi di lavoro non di meno sono state messe a rischio le attività assistenziali rivolte agli ammalati. Tragicomico il piano vaccinazione: mentre l'ospedale Sirai si trova in una situazione di grave emergenza sanitaria ed è il presidio ospedaliero più colpito dal contagio, pare che le vaccinazioni siano iniziate ad Iglesias. Sono note inoltre le vicende dei privilegi vaccinali oramai all'attenzione delle autorità giudiziarie. Per quanto esposto – conclude il coordinatore regionale del sindacato - l'Usb valuterà l'opportunità di segnalare alla Magistratura queste situazioni e nel contempo pretende dall'assessore delle risposte a queste domande: Perchè non è stato attuato il piano di riorganizzazione sanitaria regionale del 9 luglio 2020? Perchè non è stata istituita in tutti questi mesi l'Area grigia? Perchè le vaccinazioni sono partite da Iglesias e non dal centro più colpito (Carbonia)? Perchè non sono state potenziate le dotazioni organiche per l'emergenza straordinaria?».
Commenti
14:23
Concluso lo screening sui dipendenti e la disinfezione dei locali. Il provvedimento di chiusura si era reso necessario a seguito di alcuni casi di Covid-19
18:01
Sono 224 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (cinque in meno rispetto a ieri), mentre restano ventidue i pazienti in Terapia intensiva. 140 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
9:41
Da lunedì 1° marzo Lombardia, Piemonte e Marche in fascia arancione. In zona rossa Basilicata e Molise. Dati confortanti in Sardegna, dove l´indice Rt è il migliore d´Italia ma nessun pronunciamento ancora dal Ministero
26/2/2021
A rilevarlo è una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro di Massimo Blasoni. A ieri, le somministrazione delle dosi di vaccino alle persone dagli 80 anni in su sono 5.501 su 77.207 (pari al 7percento)
17:15
E´ stata completata ieri pomeriggio la somministrazione della prima dose del vaccino anti Covid-19 in tutte le Rsa e Case di riposo dell’ambito territoriale dell´Asl Sassari
13:11
«Nel Nuorese e in Ogliastra le dosi non sono sufficienti per medici e odontoiatri liberi professionisti», dichiara il consigliere regionale del Partito democratico Salvatore Corrias, che chiede chiarimenti all’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu
23:12
Lo chiede il consigliere regionale dei Progressisti Antonio Piu in un´interrogazione rivolta al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solnas e all´assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu
26/2/2021
L´isola aspira a diventare la prima regione bianca. Contagi in netta diminuzione per tre settimane di seguito, Rt contenuto e terapie intensive ben al di sotto del limite precauzionale del 30%. Cresce l´attesa per le nuove ordinanze del Governo
26/2/2021
La Maddalena sarà blindata da oggi (venerdì) a partire dalle ore 14 per 7 giorni, eventualmente prorogabili. «Dobbiamo chiudere adesso per preservare il dopo» ha detto il sindaco, Fabio Lai
25/2/2021
Terminata la sanificazione, da domani mattina si riprende la didattica in presenza nelle scuole di Olbia dove alcune persone sono risultate positive al Covid-19
24/2/2021
Ottanta persone, tra ospiti e operatori, hanno già ricevuto il vaccino nella Casa di accoglienza cagliaritana. Giovedì, verranno somministrate altre settanta dosi
25/2/2021
Sono 229 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (nove in meno rispetto al dato di ieri), mentre salgono da ventuno a ventidue i pazienti in Terapia intensiva (+ uno). 149 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
24/2/2021
Da domani, niente didattica in presenza in alcune scuole della città, dove alcune persone sono risultate positive al Covid-19. Le scuole interessate sono le primarie di Via Vignola e di Via Vicenza, la media di Via Veronese e la scuola dell’infanzia Sacra Famiglia
24/2/2021
Sono 238 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (nove in meno rispetto a ieri), mentre scendono da ventiquattro a ventuno i pazienti in Terapia intensiva (- tre). 174 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
24/2/2021
Duro intervento del gruppo dei Progressisti in consiglio regionale sui continui annunci, sempre disattesi, sul piano vaccinale alla popolazione: «Le incognite sono troppe»
24/2/2021
La struttura di Microbiologia e virologia è stata fondamentale nell’individuazione dei casi a Bono e di altri sospetti nel Nord Sardegna. Con un nuovo macchinario pronta a sequenziare l’intero genoma del virus
24/2/2021
Conferenza territoriale socio sanitaria Asl Sassari, screening e vaccini al centro dell’incontro con i sindaci. Collegati da remoto anche il direttore del Distretto di Ozieri, Antonio Saba, il presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Sassari, Nicola Addis, e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali
29/12/2020
Sono stati 2.489 i test effettuati nelle ultime ventiquattro ore. Salgono di una unità sia il numero dei ricoverati in reparti non intensivi, sia in quelli intensivi. Duecento i nuovi guariti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)