Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaSanità › Oncologico: chiesta fusione UniCa-Aou Cagliari
Red 13 agosto 2020
Oncologico: chiesta fusione UniCa-Aou Cagliari
«E´ necessaria per mettere in sicurezza per il presente e per il futuro il sistema regionale della sanità e dare sbocco professionale alle laureate e ai laureati in Medicina e chirurgia sardi», spiega il rettore dell´Università degli studi di Cagliari Maria Del Zompo


CAGLIARI - Sono pervenute in questi giorni le assegnazioni ministeriali delle borse di studio per l’accesso alle scuole di specializzazione medica. Come era stato preannunciato dal Ministero dell’Università e della ricerca, è stato aumentato il numero delle borse di 5.400 unità, ma con grande stupore di tutte le università italiane sono cambiati i numeri di studenti accreditabili per ogni scuola, vale a dire la disponibilità di posti sulla base dei volumi di prestazione assistenziale della singola scuola. Per chiarire con un esempio, la scuola di specializzazione di Radiodiagnostica dell’Università degli studi di Cagliari è passata dai ventisette posti accreditati nell’anno passato ai sessantadue del prossimo anno accademico, senza che sia stato cambiato il volume di attività della struttura di sede e della rete della scuola stessa. Il Ministero ha giustificato questo fatto dicendo che è stato rivisto solo per quest’anno l’algoritmo di valutazione dell’offerta formativa delle singole scuole, in attesa della ricostituzione dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali e dell’Osservatorio nazionale delle scuole di specializzazione, scaduti. Si può pensare che questo fatto si sia verificato in seguito all’emergenza Covid-19, che ha messo in risalto la grave carenza di specialisti medici sul territorio nazionale e per la spinta sempre più pressante delle Facoltà di Medicina e delle organizzazioni sindacali mediche e dei laureati.

Questo ha fatto sì che nelle scuole di specializzazione dell’Università di Cagliari quest’anno saranno iscrivibili 481 laureate e laureati in Medicina, al posto dei 259 dell’anno passato. Il Ministero garantirà la copertura di 227 posti grazie a contratti di formazione specialistica ministeriali nazionali e la Regione garantirà la copertura di 121 posti grazie a contratti di formazione specialistica regionale riservati a residenti in Sardegna. Quindi, 348 laureati potranno accedere quest’anno alle scuole di specializzazione dell’Università di Cagliari, 195 in più dell’anno passato, «grazie anche allo sforzo della Giunta e del Consiglio regionale, che hanno aumentato il numero delle borse in modo consistente»¸ sottolinea il rettore Maria Del Zompo. «Ora obiettivo dell’Università di Cagliari e di tutte le istituzioni sarde – rimarca il presidente della Facoltà di Medicina e chirurgia Gabriele Finco - dovrebbe essere garantire anche per i prossimi anni tali livelli di formazione specialistica, in grado di assicurare alla Sardegna un’autonomia professionale medica nelle sue strutture sanitarie. Per fare questo risulterà fondamentale dimostrare che i medici specializzandi saranno formati adeguatamente sia dal punto di vista teorico sia da quello pratico-assistenziale». Tutto ciò prevede la presenza nelle Scuole di adeguati volumi di prestazioni sanitarie, che fino a ieri l’Agenas aveva determinato in modo molto severo e stringente, a carico soprattutto della sede universitaria delle scuole (nel caso di Cagliari, si fa riferimento all’Azienda ospedaliero-universitario). Ciò che mancava fino a ieri alle scuole di specializzazione dell’Ateneo cagliaritano era proprio questo: il numero richiesto di prestazioni cliniche assistenziali. Mentre non c'era, e non ci sarà nel prossimo futuro, alcuna problematica riguardo la qualità didattica e scientifica dei docenti che afferiscono e gestiscono le singole scuole.

«Il detto dice “avimmo passato a nuttata” anche quest’anno, ma ciò non può trovarci impreparati nella prossima tornata di accreditamento ministeriale delle scuole, che dovrebbe avvenire nel marzo 2021 - aggiunge Finco - Dovremo rivedere il significato che la Sardegna dà alla sua Facoltà di Medicina e chirurgia più grande e completa e, soprattutto, al suo ruolo di formazione dei sanitari, cercando di razionalizzare al meglio il sistema sanitario e in particolare quello ospedaliero cagliaritano». «La richiesta della fusione dell’Oncologico come parte integrante della Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari va in questa direzione – chiarisce Del Zompo - Mettere in sicurezza per il presente e per il futuro il sistema regionale della sanità e dare sbocco professionale alle laureate e ai laureati in Medicina e chirurgia sardi, permettendo loro di dare un contributo fondamentale e imprescindibile alla cura dei pazienti della nostra regione. Sono convinta che il mondo politico sardo saprà dare una risposta esaustiva a questo grido di allarme e richiesta di aiuto».

Nella foto: Gabriele Finco e Maria Del Zompo
Commenti
22:11
Il nuovo ambulatorio è stato allestito al piano terra dell’Ospedale Marino, dove sarà possibile garantire un’offerta sanitaria plurispecialistica integrata
17:06
Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano cinquantadue nuovi casi rilevati attraverso attività di screening e sette da sospetto diagnostico. Salgono a diciotto le persone in terapia intensiva
19:09
L´Assl Sassari ha annunciato ai docenti e al personale scolastico di Alghero che, qualora non avessero già provveduto con l´ausilio del proprio medico di base, potranno fare il test sierologico a Fertilia, alla Guardia medica turistica in Piazza Venezia Giulia
16:08
Si è svolto in settimana l´audit del gruppo regionale di verifica finalizzato all´apertura del Reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Civile di Alghero. Mercoledì 30 settembre, il Reparto sarà strutturalmente pronto per l´esercizio e completo di tutti gli arredi, con altri quattro letti tecnici nuovi e specifici per l´altissima intensità terapica
17/9/2020
«Un grande lavoro di squadra e forte collaborazione con la Regione», commenta il direttore generale dell´Azienda ospedaliero universitaria Giorgio Sorrentino
18/9/2020
Sottoposta a test al suo rientro da un periodo di malattia un´operatrice socio sanitaria in forza al reparto di Medicina del Santissima Annunziata dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari. Dal 24 agosto, sono stati fatti 1250 tamponi e individuati sei operatori sanitari positivi al Covid
18/9/2020
L’Assemblea ordinaria degli azionisti del Mater Olbia, riunitasi mercoledì in unica convocazione, alla scadenza naturale del mandato triennale dell’attuale Consiglio di Amministrazione, ha deliberato la nuova governance per gli esercizi 2020/2023
17/9/2020
«Sarebbe utile che il presidente Solinas, se non troppo impegnato nella spartizione delle poltrone nelle nuove Asl, si dedicasse all’organizzazione di strutture funzionanti nei porti e negli aeroporti in grado di sottoporre a test diagnostici rapidi su base volontaria tutti coloro che accedono all’Isola», dichiarano i consiglieri regionali del Gruppo Partito democratico
18/9/2020
«La Regione assuma specialisti a tempo e aumenti le ore, retribuendole, agli specialisti in organico, per far fronte a una situazione di liste d´attesa a dir poco vergognosa». Il grido d´allarme sempre più diffuso ad Alghero
17/9/2020
«L’attesa decisione del Tar di sospendere l’ordinanza Solinas sui test obbligatori era prevedibile e dimostra come il ricorso del Governo non fosse assolutamente un atto di arroganza contro la Regione», dichiara il deputato sardo del Movimento 5 stelle Mario Perantoni
17/9/2020
Il deputato sardo del Movimento 5 stelle Mario Perantoni, presidente della Commissione Giustizia alla Camera, replica così al commento del collega forzista sulla decisione del Tar di sospendere l´ordinanza emessa recentemente dal presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas
17/9/2020
«In Sardegna il virus era quasi azzerato, il Governo è l’untore politico della nostra Isola». Così Ugo Cappellacci, deputato e coordinatore regionale di Forza Italia, commenta la sospensione dell’ordinanza della Regione autonoma della Sardegna [LEGGI], che invitava i viaggiatori diretti in Sardegna ad effettuare il tampone prima di arrivare nell’Isola
17/9/2020
Così, i consiglieri comunali dei gruppi di Centrosinistra Futuro Comune, X Alghero, Sinistra in Comune e Partito democratico commentano l´ordinanza firmata dal presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas e ora sospesa dal Tar


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)