Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariSaluteUniversitàUniCa, sierologico su studenti e personale
Red 6 agosto 2020
UniCa, sierologico su studenti e personale
L´iniziativa nasce con la rete di soliarietà sociale “Ad adiuvandum”, anche per prevenire nuovi focolai del virus. Si inizierà dalla Facoltà di Medicina e chirurgia. Martedì, l´incontro tra il rettore Maria Del Zompo ed il referente della Rete Maria Antonietta Mongiu


CAGLIARI - A partire da settembre, il personale e gli studenti della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università degli studi di Cagliari saranno sottoposti ai test sierologici anti Covid-19, come proposto dalla Rete di solidarietà sociale “Ad Adiuvandum”. E’ quanto emerso dall’incontro di martedì mattina in Rettorato tra il rettore Maria Del Zompo, il prorettore per le attività sanitarie Francesco Marongiu e la presidente della Rete Maria Antonietta Mongiu. Nell’indagine (che progressivamente coinvolgerà tutto l’Ateneo) saranno coinvolti inizialmente il personale della Facoltà e dei Dipartimenti di Scienze biomediche, scienze mediche e sanità pubblica e scienze chirurgiche, e gli studenti, escluse le matricole, per un totale di circa 1700 iscritti e 300 membri del personale.

«Alla ripresa delle lezioni e degli esami – ha spiegato Del Zompo - ci proponiamo di avviare uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus». «Fare il test – ha sottolineato Mongiu - è un atto d'amore per sè, per la propria famiglia, per la Sardegna». Si tratta di un primo concreto passo in avanti in Ateneo cagliaritano dell’iniziativa realizzata in collaborazione con la Regione autonoma della Sardegna, il Ministero della Difesa con le Forze armate, insieme ad associazioni ed altri promotori (Gruppo L’Unione sarda, Amici di Sardegna uniti contro Covid-19 e Sarda bellezza), che realizza congiuntamente un’azione di tutela della salute nell’ambito dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Nell’ottica di una condivisa visione istituzionale e sanitaria, la Rete Ad adiuvandum ha avviato una raccolta fondi per realizzare un’analisi a campione, senza fine di lucro, che rafforzi ed affianchi l’azione degli Uffici sanitari della Regione Sardegna nel contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19. La raccolta è finalizzata all'acquisto di dispositivi sanitari e strumentazione per le analisi. L’idea dei promotori è coinvolgere il maggior numero possibile di persone: priorità a chi ha particolari patologie, ma anche a chi, soprattutto per motivo di lavoro, o come in questo caso di studio, è giornalmente a stretto contatto con decine di persone.

Nella foto: Francesco Marongiu, Maria Del Zompo e Maria Antonietta Mongiu
Commenti
18/9/2020
Finanziati i progetti per l’International credit mobility dell´Università degli studi di Sassari con Tunisia, Albania, Libano, Uruguay, Vietnam, Brasile e Federazione Russa per i due prossimi anni accademici


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)