Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesardegnaCronacaCronaca › Rdc indebito: 158 persone nei guai
Red 24 giugno 2020
Rdc indebito: 158 persone nei guai
La Guardia di finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio ed al controllo della spesa pubblica, ha sottoposto a verifica le condizioni legittimanti la fruizione del Reddito di cittadinanza da parte dei beneficiari


CAGLIARI - La Guardia di finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio ed al controllo della spesa pubblica, ha sottoposto a verifica le condizioni legittimanti la fruizione del Reddito di cittadinanza da parte dei beneficiari. Il diritto al Rdc subisce una contrazione al verificarsi di situazioni che non ne legittimano più la concessione. Uno dei casi previsti è relativo a persone detenute nelle case di detenzione per il tempo della custodia. Così, sono state verificate le posizioni dei soggetti risultati, dal marzo 2019, aver scontato un periodo di carcerazione in una delle dieci strutture presenti nel territorio sardo. Dal riscontro, è emerso che 158 persone hanno indebitamente percepito il Reddito di Cittadinanza.

L'analisi nella casa circondariale di Uta ha portato complessivamente ad individuare ottantaquattro posizioni irregolari. Sono 40 le persone che, durante il relativo periodo di permanenza carceraria, sono risultati direttamente richiedenti e destinatari del Reddito di cittadinana. Le restanti quarantaquattro posizioni hanno riguardato i familiari dei detenuti: gli stessi, omettendo di indicare nelle domande di richiesta del Rdc la condizione detentiva del membro del proprio nucleo familiare, riuscivano a far rientrare la propria posizione reddituale nei canoni previsti per la corresponsione del beneficio. Quattordici hanno indicato falsamente nel modulo di domanda presentata all’Inps che il nucleo familiare risultava costituito anche dal congiunto di cui si ometteva di precisarne la condizione detentiva. Invece, gli altri trenta non hanno comunicato l’intervenuta carcerazione del congiunto, facendolo ancora figurare nel nucleo familiare e continuando così a percepire indebitamente il sussidio.

Le posizioni dei soggetti transitati per la detenzione nelle case circondariale di Alghero “G.Tomasiello”, Arbus “Is Arenas”, Isili, Lanusei “San Daniele”, Nuoro “Badu' e Carros”, Onani “Lodè Mamone”, Oristano “Salvatore Soro”, Sassari-Bancali “Giovanni Bachiddu” e Tempio Pausania “P.Pittalis” ha portato all’emersione di settantaquattro posizioni irregolari, di cui ventisei direttamente riconducibili a soggetti sottoposti a custodia cautelare in carcere. Le restanti quarantotto posizioni hanno riguardato i familiari dei detenuti, che hanno falsamente prodotto o evitato di effettuare variazioni del proprio stato di famiglia all’Inps per continuare a beneficiare del sussidio: trentaquattro hanno indicato la presenza nel nucleo familiare del congiunto detenuto, mentre quattordici hanno omesso di comunicare l’avvenuta carcerazione di un componente familiare. Nel novero dei detenuti indebiti percettori figurano, soggetti sottoposti a misura detentiva, sia cautelare che come pena, per i reati che vanno dal traffico di sostanze stupefacenti all’omicidio, dalla rapina alla violenza sessuali, e persino casi di associazione a delinquere di stampo mafioso. Tutti i soggetti individuati sono stati segnalati all’Inps per il recupero dell’indebito beneficio, di cui novantadue anche denunciati all’Autorità giudiziaria poiché diretti firmatari della domanda di corresponsione del beneficio. L’importo complessivo delle somme indebitamente conseguite, a seguito del calcolo eseguito dalle Fiamme gialle, ammonta a 548.112euro.
23:21
La rete, 1.500metri del tipo “Tremaglio”, era posizionata in modo da circumnavigare una parte dell’isola, pronta ad imbroccare i pesci che vi trovano rifugio. La rete risultava posizionata tra i 50 ed i 100metri dall’isola, in piena zona “Ma” a tutela integrale del Parco
17:08
Ieri notte, la Polizia locale ha denunciato a piede libero un uomo che ha forzato diverse autovetture parcheggiate in Piazza Università. E´ un extracomunitario ripreso dalle telecamere che si trovano nella zona proprio mentre commetteva l´illecito
10/7/2020
L´uomo aveva confessato di aver strangolato la moglie. Non si è mai pentito ed oggi al processo d´Appello, non si è presentato in aula. Udienza rimandata al 9 settembre col contraddittorio sulla perizia psichiatrica
9/7/2020
La Polizia ha denunciato in stato di libertà due persone, un 33enne olbiese ed una 30enne, per furto in abitazione in concorso. Si tratta di una serie di furti perpetrati in città nella seconda decade di giugno
19:09
Ieri, su segnalazione di numerosi clienti, gli agenti in borghese sono intervenuti in un bar nella zona di Luna e Sole dove tutto il personale era in servizio senza mascherina. Già nei mesi scorsi, il locale era stato sanzionato, perché aveva servito ai tavoli quando ancora la normativa anti-Covid autorizzava soltanto l´asporto Il controllo ha effettivamente accertato la violazione e l´esercizio è stato sanzionato


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)