Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Coldiretti: appello a Solinas ed ai partiti
Red 26 marzo 2020
Coldiretti: appello a Solinas ed ai partiti
«La Regione, in questo momento di crisi, imponga priorità ai prodotti sardi nella grande distribuzione organizzata», chiede l´associazione di categoria, che prosegue: «tutta la grande distribuzione sarda aderisca alla campagna #iorestoacasa#nonsprechiamocibo»


CAGLIARI - «Siamo all’assurdo: prodotti sardi che rischiano di marcire a terra, mentre continuiamo ad importare ortofrutta dalle altre nazioni soprattutto dalla Spagna. Il risultato in tempi di crisi sanitaria ed economica come questo, sono cibo sprecato, lasciato marcire sui campi e imprenditori agricoli sul lastrico. E’ incredibile e inaccettabile che in questo momento le produzioni sarde vengano messe in secondo piano o addirittura trattate allo stesso modo delle estere negli scaffali dei supermercati sardi».

Coldiretti Sardegna si rivolge alla politica, al presidente Christian Solinas ed alla Giunta regionale innanzitutto, ma anche a tutti i consiglieri regionali e partiti politici: «ci giungono ancora voci di forti importazioni di quintali di prodotti agroalimentari dalla Spagna e da altre Nazioni, mentre i nostri agricoltori si ritrovano paradossalmente con i prodotti e gli animali invenduti, perché rifiutati proprio da queste Nazioni, che hanno addirittura fatto terrorismo per meri e dichiarati motivi speculativi sull’agroalimentare “made in Italy” e quindi anche sardo – rimarca il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu - In momento di emergenza, in cui tutto è straordinario chiediamo alla Giunta regionale che si faccia promotrice (e gli strumenti sono tanti) di riempire gli scaffali dei supermercati con prodotti 100percento sardi, dando la possibilità ai cittadini di fare la spesa locale, una boccata di ossigeno agli agricoltori ed alla nostra economia ed evitando un ingiustificato spreco di cibo».

Tutta la Gdo sarda dia un segnale di vicinanza ai sardi ed alle imprese, aiutando i produttori a non lasciare prodotti sui campi, «costruiamo insieme campagne per aumentare il consumo dei prodotti attualmente in campo – sottolinea il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba - in modo da compensare la chiusura dei mercati extraisolani che stanno penalizzando i nostri prodotti. Creiamo economia circolare». Coldiretti Sardegna non nega che in tutti i supermercati ci siano già prodotti sardi. «Ma sono sempre pochi e devono avere l’indiscussa priorità adesso, lasciando spazio all’importazione solo in mancanza di referenze locali - ribadisce Saba - In questo momento, milioni di capolini di carciofo rischiano di non essere raccolti e di andare perduti e marciti, con una perdita di milioni di euro per le aziende, un ingiustificato spreco di cibo e con i cittadini impossibilitati ad acquistarlo. Le nostre iniziative della vendita a domicilio con le aziende agricole di Campagna amica dimostrano che quando possono i sardi acquistano sardo. A Cagliari, abbiamo difficoltà ad accogliere tutti gli ordini perché siamo stati piacevolmente subissati di richieste di prodotti sardi».

«Rinnoviamo l’appello anche alla grande distribuzione – continua il direttore - Alla nostra lettera, ha risposto il gruppo Superemme e i supermercati Frongia, che nei prossimi giorni rimpingueranno il proprio assortimento con le referenze degli agricoltori e allevatori sardi. In questo momento, non ci sono scuse di contratti o impegni, sono saltati tutti e i motivi sono più che validi e il mondo agricolo sardo sta già scontando questo prezzo. Ma non si può subire anche la doppia beffa di vedere e vendere in Sardegna i prodotti di chi ci ha respinto». Nelle prossime ore, Coldiretti Sardegna recapiterà a Solinas, a tutta la Giunta regionale, ai consiglieri regionali ed alle forze politiche, una lettera appello per prendere una posizione netta in questa direzione. «Chiediamo senso di responsabilità a tutti ed evitiamo strumentalizzazioni politiche in questo momento – conclude Cualbu - Ci aspettiamo prese di posizioni nette e atti concreti. Anche i sindaci utilizzino tutti i mezzi a propria disposizione per incentivare e sensibilizzare i propri cittadini a consumare sardo».

Nella foto: il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu
Commenti
15:14
Dei 29,5milioni totali per tutta Italia del Decreto, 7,5 andranno al settore ovino, suddivisi nelle annualità 2020 e 2021: 3,5 nel 2020 e 4 nel 2021. Questi, si vanno a sommare ai 2milioni di euro del fondo indigenti, destinati per omogeneizzati di agnelli
2/4/2020
Pioggia di milioni per l’agricoltura per mitigare la grave crisi economica del CoronaVirus. Dei 30milioni di euro stanziati (15 per il 2020 e 14,5 per il 2021) destinati per la competitività delle filiere, 8 andranno al settore ovicaprino


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)