Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaSanità › «Cup, Odissea per prenotare una visita»
Red 22 gennaio 2020
«Cup, Odissea per prenotare una visita»
«Per poter vedere un medico con il servizio sanitario nazionale dopo quasi 4 giorni , ci sono volute 120 chiamate, parecchi tentativi on line, una sveglia di prima mattina, e ancora due biglietti del bus e quaranta minuti di attesa», questo l´allarme lanciato da Francesco Mattana, rappresentante in Sardegna dell´associazione AltroConsumo


CAGLIARI - «La prenotazione attraverso il Cup delle visite ,si trasforma in un’odissea. Dopo numerose segnalazioni, abbiamo voluto verificare di persona il servizio telefonico 070/474747 e tramite il numero unico regionale di prenotazione sanitaria 1533, cosi come descritto nel servizio sul sito della Assl e provando poi a prenotare una visita: una prova durata per quattro giorni consecutivi 14-15-16-17 gennaio 2020. 120 tentativi di telefonata (trenta in un solo pomeriggio) non sono bastati per parlare con un operatore. Difficilissimo, nemmeno in orari proibitivi, al limite dell'inizio e fine servizio». A lanciare l'allarme è Francesco Mattana, rappresentante in Sardegna dell'associazione AltroConsumo, che ci ricorda come «l'iter indica che per prenotare, impegnativa mutualistica alla mano, si può scegliere tra le opzioni proposte: telefonata, cup web o direttamente di persona».

«La prima spiega Mattana - appare più semplice e per di più l’orario è anche comodo: dalle 8.30 alle 18. Risponde una gentile voce metallica femminile che, dopo aver informato sugli orari, presentato le altre modalità di prenotazione e ricordato la necessità di avere con se la ricetta del medico di famiglia, invita a rimanere in linea. Il tutto termina con un secco “gli operatori sono tutti occupati, si prega di richiamare più tardi”, concludendo la chiamata. Quarantacinque tentativi il primo giorno e ben trenta il secondo non sono stati sufficienti per parlare con un operatore, sempre tutti impegnati (e l’utente invitato a ritelefonare)».

Si cambia quindi strategia. «Alla fine, per ottenere una visita – prosegue il rappresentate di AltroConsumo - l’unica via è andare presso uno degli sportelli ubicati nel territorio. Abbiamo scelto di seguire i consigli presenti sul sito regionale Sardegna Salute scegliendone uno a caso descritto in Via Piero Della Francesca (Selargius), ma scoprendo poi dopo alcune telefonate all'Urp che però non esisteva nessuno sportello Cup all'indirizzo da noi scelto e quindi via alla ricerca di un altro sportello reale che, grazie all'assistenza dell'operatore, abbiamo saputo poi trovarsi in Viale Trieste 37, a Cagliari».

«Parlando con i presenti in coda si scopre che il percorso è stato lo stesso per tutti: telefonate (tante), voce metallica (sempre), senso di rassegnazione e alla fine sportello. Qui sono abbastanza veloci: dopo 40', finalmente si riesce a parlare con una persona in carne ed ossa e ad avere la tanto bramata informazione sull'appuntamento: ma se questa (forse) è un’altra storia, sta di fatto che per poter vedere un medico con il servizio sanitario nazionale dopo quasi quattro giorni, ci sono volute 120 chiamate, parecchi tentativi on-line, una sveglia di prima mattina, e ancora due biglietti del bus e 40' di attesa. Insomma, per prenotare con il servizio sanitario nazionale non bisogna essere acrobati, ma tanto pazienti e determinati»¸ conclude Francesco Mattana.
Commenti
15/2/2020 video
Questa mattina, i cittadini algheresi si sono riuniti davanti all´Ospedale Marino per protestare e chiedere una Sanità che funzioni. "Giù le mani dal Marino", la parola d´ordine dei presenti. Immagini e interviste sul Quotidiano di Alghero
15/2/2020
Per la Peste suina africana, sono stati abbattuti nelle campagne di Orgosolo decine di maiali a stato brado illegale, non registrati, di proprietà ignota e mai sottoposti a controllo sanitario
15/2/2020
«Solo oggi, dopo 4 mesi dalla mozione e dopo 5 mesi che gli algheresi sono obbligati a girare per il nord Sardegna per “elemosinare” un intervento di ortopedia, la maggioranza ha acconsentito a discutere la mozione»
14/2/2020 video
«Cresce la domanda di salute della popolazione algherese, abbiamo un territorio ricco di anziani che necessita di una giusta risposta. Non dobbiamo perdere di vista il fatto che un ospedale è una risorsa per il territorio, anche in termini di occupazione». Così il dottor Leopoldo di Lauro, direttore Nefrologia e Dialisi all´Ospedale Civile di Alghero. L´intervista sul Quotidiano di Alghero
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)