Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariSaluteSanità › Brotzu, personale tecnico in difficoltà
S.O. 22 ottobre 2019
Brotzu, personale tecnico in difficoltà
Richieste di comando presso altre amministrazioni, domande di nulla osta, spostamenti in altri servizi e addirittura rinunce ad assunzioni a tempo indeterminato. E’ quanto succede nel servizio manutenzioni dell’Azienda Ospedaliera


CAGLIARI - Richieste di comando presso altre amministrazioni, domande di nulla osta, spostamenti in altri servizi e addirittura rinunce ad assunzioni a tempo indeterminato. E’ quanto succede nel servizio manutenzioni dell’Azienda Ospedaliera Brotzu dove negli ultimi anni il personale tecnico è stato sempre più caricato di compiti ed adempimenti che spesso e volentieri poco si confanno al ruolo rivestito dai singoli.
Così se da un lato a partire dal 2016 con l’accorpamento del Microcitemico e dell’Oncologico la mole di lavoro è sensibilmente cresciuta, dall’altro le esigenze di budget e di obiettivo hanno portato geometri, ingegneri e periti ad occuparsi non solo di progetti e manutenzioni ma anche e soprattutto di attività extra.

Da un paio di anni i tecnici svolgono anche il ruolo di addetti di supporto al servizio antincendio. Si tratta di un nuovo adempimento imposto dall’alto e riservato esclusivamente ai dipendenti del servizio manutenzioni per poter rispondere ad obblighi di legge in materia di prevenzione incendi. L’alternativa era incrementare il numero di addetti messi a disposizione dalla società che gestisce la sicurezza antincendio nei tre ospedali ma i costi sarebbero stati eccessivi. La soluzione è stata semplice ed indolore: lo fanno gratis i tecnici del servizio manutenzioni.

Lo stesso è avvenuto nel 2018 per il servizio di supporto all’Elisuperficie: i tecnici (geometri, ingegneri e periti) hanno, a turno, ogni qualvolta stia per atterrare un elicottero dell’Areus (il servizio 118 regionale), il dovere di presentarsi sull’elisuperficie del Brotzu per verificare lo stato della pista di atterraggio, la presenza o meno di oggetti o persone e per prendere tutti i dati relativi al trasporto (targa del velivolo, dati del pilota, formazione dell’equipaggio, motivo del trasporto, provenienza ecc.). Anche questa attività, nelle more dell’espletamento di un appalto che esternalizzi il servizio dietro compenso economico, è stato prontamente imposto dall’alto al personale del servizio manutenzioni, ovviamente, anche in questo caso, senza alcun compenso.

I tecnici inoltre, sempre a turno, sono di tanto in tanto in servizio nella sede staccata dell’ufficio che si trova presso l’ospedale oncologico. Nell’esercizio di detti impegni ovviamente non devono venire meno le progettazioni interne, le direzioni lavori, i coordinamenti per la sicurezza, la gestione dei servizi manutentivi, gli acquisti, la gestione del personale delle officine e quant’altro dovrebbe in realtà essere realmente di competenza di un servizio manutenzioni. Ma anche qui il trattamento riservato al personale tecnico del servizio è quanto mai singolare: infatti l’Azienda Ospedaliera Brotzu, a differenza delle altre amministrazioni pubbliche, non eroga al proprio personale gli incentivi ex art. 113 del D. Lgs. 50/2016. A chiudere il pacchetto il mancato pagamento delle ore di straordinario cui il personale si è visto costretto a ricorrere in più di una occasione per non lasciare indietro le manutenzioni. E questo nonostante le promesse di liquidazione a suo tempo fatte dalla vecchia amministrazione aziendale.
Commenti
27/5/2020
Ieri mattina, nella struttura, il sindaco ha incontrato il direttore del Distretto socio sanitario delle isole facente funzioni. Continuità con la medicina di base, funzionamento del punto unico di accesso ed integrazione delle politiche sociali con i servizi di medicina di base e territoriale tra gli argomenti discussi
27/5/2020
E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 53.294 test. I casi accertati ad oggi salgono però a 1.355, per l´inserimento di un caso verificatosi a marzo nella Città metropolitana di Cagliari e non conteggiato precedentemente. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva. I decessi restano 130
26/5/2020
I decessi aumentano in seguito alle verifiche che hanno portato all´inserimento di un decesso avvenuto ad aprile e non conteggiato precedentemente. Nessun caso di positività registrato nelle ultime settantadue ore. E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 51.968 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva
16:02
Effettuato tampone su tutti i pazienti prima dell’ammissione in reparto. Anche il personale esegue periodicamente il test diagnostico molecolare per verificare la negatività al Covid-19. Alessandra Falsetti, direttore generale Mater Olbia: «Abbiamo implementato tutte le misure necessarie per consentire a pazienti, cittadini e operatori di accedere ai nostri servizi e lavorare in totale sicurezza»
26/5/2020
I consiglieri regionali del Partito democratico hanno presentato un documento sulla necessità che, con l´avvio della Fase 2, si provveda «con urgenza alla definizione di trattamento e accoglienza dei turisti asintomatici Covid-positivi, comunque costretti alla quarantena, e dei cittadini sardi che, nelle stesse condizioni, abitassero in case non idonee all´isolamento e sulla necessità di riorganizzazione di tutta la rete ospedaliera, nonché degli spazi e dei percorsi negli ospedali e nei pronto soccorso»
13:29
L´Ats Sardegna-Medicina convenzionata Assl Sassari ha attivato le procedure necessarie per il reclutamento di due pediatri di libera scelta per far fronte alle esigenze assistenziali venutesi a creare a seguito del pensionamento di due pediatri, entrambi massimalisti, che operavano nel capoluogo turritano
26/5/2020
«La prevalenza dei positivi tra gli operatori è inferiore alla media nazionale. Vincenti le strategie adottate nel tempo», dichiarano dagli uffici dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
26/5/2020
Si conferma al 3percento l´incidenza dei positivi nella popolazione sanitaria che ha effettuato lo screening. L´Azienda ospedaliero universitaria ha scelto di precisare la situazione contro dubbi e false notizie diffuse sui social network
11:27
Uno dei progetti che sta più a cuore all’Amministrazione comunale non è, tuttavia, un cantiere di propria competenza, ma un progetto attivato dall’Ats e riguarda la struttura sanitaria San Giovanni Battista


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)