Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres, degrado nei terreni privati: via ai controlli
M.P. 11 maggio 2019
Comincerà nelle prossime settimane la campagna di controlli a tappeto nei terreni privati incolti o che sono oggetto di abbandono dei rifiuti. I proprietari devono mettersi in regola
Porto Torres, degrado nei terreni privati: via ai controlli


PORTO TORRES - Comincerà nelle prossime settimane la campagna di controlli a tappeto nei terreni privati incolti o che sono oggetto di abbandono dei rifiuti. I proprietari devono mettersi in regola ed ottemperare a quanto previsto dal Regolamento della gestione dei rifiuti urbani per evitare le sanzioni.

«Sono già pervenute diverse segnalazioni dei cittadini che lamentano la presenza di aree private dove non c’è cura del verde e dove si stanno accumulando rifiuti. Per questo a breve partiranno i controlli del comando di Polizia Locale che effettuerà le opportune verifiche», sottolinea l'assessora all'Ambiente, Cristina Biancu. Il Regolamento prevede che aree scoperte private, dei fabbricati, di terreni non edificati e agricoli debbano essere costantemente libere da spazzatura.

Le stesse aree devono essere sottoposte a sfalcio dell'erba, a manutenzione delle siepi e degli alberi prospicienti le strade pubbliche. «Diverse zone sono ancora in stato di semi abbandono e prive di recinzioni, a rischio quindi di sanzione amministrativa. Per rispetto di chi segue le regole e di quei cittadini che abitano nelle aree prospicienti – aggiunge l'assessora – è opportuno che i proprietari provvedano al più presto ad effettuare la pulizia. I controlli della Polzia Locale saranno condotti su tutto il territorio cittadino e in caso di violazione del Regolamento gli agenti eleveranno i verbali».
Commenti
14:14
«Il Wwf chiede un´ordinanza che vieti, in tutto il territorio comunale, l’uso della plastica monouso in occasione di fiere gastroenteriche e/o degustazione e sia consentito il solo utilizzo di stoviglie e bicchieri riciclabili, compostabili, a basso impatto e zero emissioni di Co2», auspica Carmelo Spada
© 2000-2019 Mediatica sas