Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotizieportotorresPoliticaPolitica › Zona franca: Fortza Paris chiama Regione e Stato
Red 27 settembre 2019
L´assemblea dei quadri del partito ha approvato la mozione del coordinatore di Usini Augusto Fois, nel portare all´attenzione della Giunta regionale l´annoso problema dell´inattuazione della legge che istituisce la Zona franca in Sardegna
Zona franca: Fortza Paris chiama Regione e Stato


PORTO TORRES - Alla presenza del vicepresidente regionale Antonio Cardin e di tutti i responsabili dei Comuni della provincia di Sassari, coordinati dal segretario provinciale Giovanni Nurra, l'assemblea dei quadri di Fortza Paris ha approvato la mozione del coordinatore di Usini Augusto Fois, nel portare all'attenzione della Giunta regionale l'annoso problema dell'inattuazione della legge che istituisce la Zona franca in Sardegna. L'assemblea ha dato mandato a tutti i coordinatori territoriali e cittadini di organizzare una campagna di sensibilizzazione che attraversi, con incontri ed assemblee informative, il maggior numero di paesi del nord-Sardegna.

«Noi riteniamo che quanto fatto finora sia troppo poco e molto tardivo, con particolare riguardo alla drammatica situazione economica ed occupazionale di Porto Torres e più in generale dell’intero nord-ovest della Sardegna, che somma alla crisi generale il collasso di una intera filiera economica basata su chimica e petrolchimico; a diversi mesi dall’insediamento della nuova Maggioranza di Centrodestra e sardista, assistiamo finalmente ad una ripresa del dibattito attorno a questo tema, ma abbiamo la sensazione che non sia ancora percepita l’urgenza di riattivare l’economia del nord-ovest in quanto per ora sentiamo parlare esclusivamente di mozioni relative alle zone franche di Cagliari e Portovesme. Riteniamo assolutamente necessario e urgente attivare urgentemente la zona franca relativa a Porto Torres perimetrando il porto insieme agli “altri porti ed aree industriali ad essi funzionalmente collegate o collegabili”, dove le aree industriali non possono che essere tutte quelle del nord-ovest e gli altri porti non possono che comprendere anche l’aeroporto di Alghero», sottolineano i rappresentanti di Fortza Paris.

«Come Federazione provinciale di Fortza Paris di Sassari, forza che concorre alla Maggioranza che sostiene la giunta di Christian Solinas in Regione, chiediamo a gran voce che il porto di Porto Torres (con tutta l’economia del sassarese ad esso correlata) sia perimetrato con urgenza dalla Regione in conformità al D.Lgs. 75/98, che sia emesso il Decreto statale di approvazione e che finalmente possa partire la Zona franca in un territorio che pur avendo enormi potenzialità (un porto industriale in grado di accogliere traffico navale pesante, infrastrutture sottoutilizzate come ferrovia, acquedotti, depurazione, strade, un aeroporto, una classe imprenditoriale povera nei numeri, ma vivace nella intemperie, una cultura industriale fatta di uomini, di esperienza, di scuole, di Università) è talmente azzoppato dagli svantaggi dovuti all’insularità e alla marginalità della nostra economia (è appena il caso di ricordare che il mix di problemi tra insularità, basso indice di popolazione, mancanza di autostrade, mancanza di metano e altre diseconomie varie rappresenta un gap che necessita forzatamente di compensazione da parte dello Stato, come del resto riconosciuto nello Statuto Sardo) da richiedere urgentemente un trattamento economico di sostegno», concludono gli esponenti del partito.
Commenti
17/11/2019
In tutta la Sardegna banchetti e gazebo del partito per sostenere la campagna per introdurre un tetto massimo alle tasse in Costituzione. Niente bandiere però ad Alghero, roccaforte berlusconiana di Sardegna
© 2000-2019 Mediatica sas