Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesardegnaTurismoAgricoltura › +3% il Ferragosto negli agriturismi
S.O. 15 agosto 2019
Anche quest’anno, in linea con i dati nazionali, l’offerta agrituristica sarda conferma per Ferragosto il segno più nelle presenze, a conferma che i vacanzieri sono sempre più attenti al cibo locale, autentico, distintivo
+3% il Ferragosto negli agriturismi


CAGLIARI - Anche quest’anno, in linea con i dati nazionali, l’offerta agrituristica sarda conferma per Ferragosto il segno più nelle presenze (+3%), a conferma che i vacanzieri sono sempre più attenti al cibo locale, autentico, distintivo, tradizionale ed a km0, ma vogliono anche relax e contatto con la natura. Un turista attento che, come detto nei giorni scorsi dall’esperta di turismo e cultura Roberta Garibaldi nel corso di un convegno promosso da Coldiretti Sardegna a Cagliari nella sede del Banco di Sardegna, quando sceglie la destinazione per un viaggio è importante (59% degli italiani) la presenza di una offerta enogastronomica di qualità o esperienze legate all’enogastronomia. Cosi come il 90% vuole mangiare piatti tipici in un ristorante locale.

L’identikit insomma dell’agriturismo che oltre a mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo (caratteristica appunto più apprezzata) e l’alta qualità hanno arricchito la propria offerta con servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness. Importante è anche la flessibilità nei confronti del crescente turismo itinerante dei camperisti con le strutture che in molti casi si sono attrezzate con l’offerta di alloggio e di pasti completi, ma anche di colazioni al sacco o con la semplice messa a disposizione spazi per picnic e camper per rispettare le esigenze di indipendenza di chi ama prepararsi da mangiare in piena autonomia ricorrendo eventualmente solo all’acquisto dei prodotti aziendali.

Chi sceglie l’agriturismo è di solito un turista perlopiù italiano, famiglie o coppie tra i 40 e 60 anni. «Il cliente dell’agriturismo è attento - spiega Michelina Mulas, presidente regionale di Terranostra l’associazione degli agriturismo Campagna Amica – vuole mangiare bene e conoscere anche l’origine del cibo, chi, dove e come si produce. Vuole conoscere il territorio e vuole un autentico contatto con la natura». Gli agriturismo Campagna Amica sono molto attenti alla qualità e alla sensibilità dei propri clienti. I cuochi contadini seguono una formazione continua non solo per la cucina ma anche per la presentazione dei prodotti.
Commenti
17/11/2019
Al dramma di non vedersi accolta la domanda di primo insediamento in agricoltura per insufficiente disponibilità finanziaria, arriva anche la beffa: esclusi dal finanziamento per la domanda PSR
© 2000-2019 Mediatica sas