Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziesassariCulturaUniversità › Sicurezza e cooperazione internazionale: Uniss fa 13
Red 12 luglio 2019
Ieri, nell’Aula Segni del Polo didattico di Giurisprudenza, sono stati proclamati dottori in Sicurezza e cooperazione internazionale i primi tredici studenti del corso di laurea triennale interdipartimentale inaugurato nel 2016 dall’Università degli studi di Sassari
Sicurezza e cooperazione internazionale: Uniss fa 13


SASSARI – Ieri (giovedì), nell’Aula Segni del Polo didattico di Giurisprudenza, sono stati proclamati dottori in Sicurezza e cooperazione internazionale i primi tredici studenti del corso di laurea triennale interdipartimentale inaugurato nel 2016 dall’Università degli studi di Sassari. Un percorso innovativo ed interdisciplinare, che ha l'obiettivo di formare esperti in grado di esercitare funzioni operative di coordinamento, gestione, formazione e controllo in contesti nazionali e internazionali, nei settori della sicurezza ambientale, alimentare e sanitaria, della cooperazione internazionale allo sviluppo e della tutela dei diritti umani. I tredici neo-dottori hanno presentato l’elaborato finale in due sessioni di laurea, di fronte a due Commissioni di docenti caratterizzate da una spiccata interdisciplinarietà.

L’Università di Sassari, avviando questo corso di laurea, ha giocato in anticipo nei confronti di altri Atenei. «Sci rappresenta una novità assoluta nel panorama universitario italiano, che guarda dritto in faccia alla realtà geopolitica dei nostri tempi e apre a una visione illuministica del sostegno e della difesa dei diritti umani, che fa leva su un modello di competenza, di studio e di preparazione sul campo - sottolinea il presidente del corso di laurea Quirico Migheli - Perché si può essere volontari con il cuore, per passione e moto di generosità, ma c’è anche spazio per un volontariato professionalizzato, che metta in campo competenza e spirito di sacrificio per dare risposte risolutive e concrete a problemi che assumono dimensioni globali, che vanno dalla salvaguardia del pianeta, alla prevenzione dei rischi ambientali, alimentari, sanitari, all’emergenza dei migranti».

Questi i nomi dei primi neodottori e neodottoresse: Nicola Atzori, Angelo Azara, Andrea Canzilla, Giovanni Congiu, Francesco Desortes, Giuseppina Fancellu, Antonio Maini, Gianni Meloni, Sara Pisci, Anna Paola Sanna, Irene Serra, Saverio Simula e Martina Sini. All’apertura della sessione mattutina, Migheli ha presentato ufficialmente il nuovo logo di Sicurezza e cooperazione internazionale, frutto della collaborazione con il corso di Laurea magistrale in Design ed il Design for kids lab del Dipartimento Dida, Università degli studi di Firenze. Erano presenti le autrici, Fiamma Casonato e Matilde Giachetti, studentesse del terzo anno del corso di laurea in Disegno industriale.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas