Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziealgheroPoliticaSocietà › Pride, scivolone di Pais: polemiche e scuse
P.P. 8 luglio 2019
Clamoroso scivolone per il presidente del Consiglio regionale algherese, Michele Pais: ha commentato il corteo che sabato ha sfilato per le vie di Cagliari, condividendo un’immagine fake di un uomo nudo (datata di qualche anno). Il primo a denunciare la questione Valdo Di Nolfo. Scoppiano le polemiche e Pais è costretto a scusarsi pubblicamente
Pride, scivolone di Pais: polemiche e scuse


ALGHERO - Il pregiudizio investe il pride che invade anche le strade sarde di Cagliari e contagia la più alta carica del Consiglio regionale, Michele Pais, che bolla come luogo del cattivo gusto il corteo di sabato condividendo un fotomontaggio datato di anni, ma soprattutto da anni utilizzato per denigrare una manifestazione democratica, libera e colorata nata per sostenere i diritti di gay, lesbiche e transgender e per la piena cittadinanza di tutte le persone. E scoppia il caso.

Ad onor del vero, Michele Pais dopo qualche commento si scusa pubblicamente nel suo stato con il Sardegna Pride, riconoscendo di aver preso un clamoroso abbaglio, ma ormai la polemica è scoppiata. Tra i primi a denunciare lo scivolone della seconda carica istituzionale della Regione Sardegna e portare all'attenzione dei più la questione, Valdo Di Nolfo, consigliere comunale algherese da sempre vicino ed attivo per i diritti umani. Lui stesso, qualche anno fa, aveva celebrato la prima unione civile multietnica tra due ragazze dello stesso sesso in Sardegna.

Così il pride diventa "luogo del cattivo gusto". «Siamo a Cagliari, sotto il Consiglio regionale che mi onoro di Presiedere. Il mio ufficio è proprio dove si vedono sventolare le bandiere Sarda ed italiana. Ieri, lì, ha sfilato il gay pride – scrive Pais nel post – la libertà di manifestazione del pensiero è diritto inviolabile, così come lo sono diritti della personalità. Non si discute. Ma mi chiedo dove finisca la difesa dei diritti della personalità e inizi il buon gusto». Al post è allegata una foto per le vie di Cagliari durante la parata con una persona nuda che ha una bandiera arcobaleno infilata nel sedere: Peccato che si sia trattato di un fotomontaggio. Così c'è perfino chi ne chiede le dimissioni con tanto di petizione pubblica.

Foto d'archivio
Commenti
10:26
Òmnium Cultural de l’Alguer, che ha denunciato e condannato quanto è accaduto in Catalogna già dal 2017, invita tutte le istituzioni locali, il Sindaco di Alghero, il Presidente del Consiglio Regionale e il Presidente della Regione, le istituzioni e le organizzazioni democratiche presenti ad Alghero ed in Sardegna affinchè adottino iniziative di condanna nei confronti del Governo spagnolo
17:08 video
Pesantissime le condanne decise dai giudici della Corte suprema spagnola contro 12 leader separatisti Catalani dopo un processo durato quattro mesi sugli eventi che hanno scatenato la peggior crisi politica in Spagna degli ultimi 40 anni. Una sentenza dura che ha voluto punire la proclamazione unilaterale d´indipendenza della Catalogna. Ma Barcellona si ribella: disordini nella regione e proteste in varie parti d´Europa. Anche Alghero si unisce al coro di protesta: L´intervista con Stefano Campus, presidente dell´Òmnium Cultural de l’Alguer.
17:34
Comunità educante, dal 18 ottobre un ciclo di incontri con Lorenzo Braina. La serie di incontri è parte del progetto promosso dall’Amministrazione comunale di Porto Torres con l’obiettivo di fornire strumenti formativi alle famiglie e a tutti i soggetti che lavorano a contatto con i minori
© 2000-2019 Mediatica sas