Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziealgheroPoliticaPolitica › «E´ la Lega il secondo partito». Sacristani: a noi la scelta
Cor 24 giugno 2019
La netta precisazione arriva direttamente dai vertici locali del partito. Oltre Forza Italia, potrebbe essere proprio la Lega a indicare il secondo assessore. «Siamo il secondo partito della coalizione ad Alghero»
«E´ la Lega il secondo partito»
Sacristani: a noi la scelta


ALGHERO - «E' la Lega il secondo partito della coalizione ad Alghero». La netta precisazione arriva direttamente dai vertici locali del partito guidato da Matteo Salvini. Luca Sacristani, il vero "deus ex machina" leghista, l'artefice del miracolo algherese, quello che ha portato il simbolo dallo zero ai successi delle Comunali passando dalle elezioni Europee alle trionfali Regionali dello scorso febbraio, lo sottolinea con chiarezza al Quotidiano di Alghero.

In attesa della proclamazione ufficiale degli eletti, con 2022 voti e 13 preferenze di lista in più rispetto alla Civica "Noi con Alghero", la Lega ottiene il 9,16% e si attesta secondo partito della coalizione dietro Forza Italia [GUARDA TUTTI I RISULTATI]. Per Sacristani sono solo questi i numeri che contano. Ergo: anche se le preferenze dei singoli consiglieri risultano in numero inferiore nulla cambia.

Il primo braccio di ferro così, è tutto interno alla coalizione con la Lega che, presumibilmente già da quest'oggi, farà valere la sua forza non essendo disposta a lasciare per strada caselle importanti per la sua crescita nel territorio. Confermata la formazione-tipo con cui nascerà il primo Esecutivo Conoci (2-2-1-1-1, a cui si aggiunge la presidenza dell'Aula), sarà da capire chi piazzerà il secondo assessore oltre a Forza Italia.

Nella foto: Luca Sacristani col sindaco Mario Conoci
10:48
Questo certamente non mette nella giusta luce gli attori, i temi trattati e anche le risoluzioni, in più i termini usati fanno precipitare la nobile politica alle cionfre da bar o da festa campestre
10:59
Quanto accaduto nell’autunno 2017 non fu altro che una protesta civile e non violenta per difendere il proprio diritto all’autodeterminazione. E questo porta a una seconda considerazione importante
© 2000-2019 Mediatica sas