Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziealgheroPoliticaPolitica › Commissione Pari opportunità: due anni intensi
Red 15 giugno 2019
Nata nel marzo 2017 come organo consultivo e propositivo, in due anni, la Commissione Pari opportunità del Comune di Alghero ha preso contatto e si è messa in rete con gli altri organi di parità
Commissione Pari opportunità: due anni intensi


ALGHERO - Nata nel marzo 2017 come organo consultivo e propositivo, la Commissione Pari opportunità in due anni ha preso contatto e si è messa in rete con gli altri organi di parità, con il Cug del Comune di Alghero, con cui ha realizzato due importanti convegni, il primo nel dicembre 2018, sulla Conciliazione vita-lavoro in cui sono intervenute la commissaria nazionale di Parità Bagni-Cipriani e la commissaria provinciale di Parità Sale, e l’altro sugli effetti e sulle prospettive future della legge sulla doppia preferenza di genere, presentando il libro di. Marilotti e Mandis, presentato da Foddai e con l’intervento di Carmìna Conte, presidente di Coordinamento3-Donne di Sardegna. La Cpo di Alghero ha poi portato a termine tre importanti progetti: il Centro di documentazione donna, un luogo per le donne e delle donne, un centro cittadino, di accoglienza, d’incontro, di promozione dei diritti, della cultura, delle politiche, dei “Saperi” e delle esperienze prodotte dalle e per le donne. Il centro di documentazione delle donne, vuole e deve essere un centro per incontrarsi discutere e ottenere assistenza e informazione.

Il Baby pit stop-Unicef, un servizio gratuito, caratterizzato da uno spazio dove verrà offerta una comoda sedia o poltroncina per allattare, un fasciatoio o altra superficie idonea per il cambio del pannolino, opuscoli informativi dell’Unicef e di eventuali partner istituzionali, se possibile, un angolo attrezzato per il gioco dei bambini. Essendo un servizio offerto alle famiglie ha l’intento di supportare le madri in ogni tipo di situazione ed è pensato anche per permettere di usufruirne anche alle mamme che per necessità usano biberon, fornendo uno spazio per preparare e riscaldare il nutrimento per il proprio piccolo. Ed ancora, il bando per il logo della Commissione Pari opportunità, che tenga conto delle finalità della Cpo, e cioè garantire la parità tra uomo e donna, valorizzando le differenze; promuovere l’attuazione dei principi di uguaglianza per il riequilibrio delle rappresentanze di genere e promuovere, contro ogni forma di discriminazione, le pari opportunità nelle istituzioni e nella vita familiare e professionale, nell’educazione, nella formazione, nella cultura, nei comportamenti, nella partecipazione alla vita politica, sociale ed economica. Il bando, rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado, vedrà il logo vincitore premiato con un finanziamento di 300euro, da utilizzare per libri, materiale didattico o tecnico-artistico, a favore della Scuola di appartenenza dello studente, del gruppo o della classe che hanno realizzato il logo, chiedendo che il 20percento sia destinato a materiale dedicato alla lotta contro gli stereotipi o contro la violenza.

Inoltre, la Cpo del Comune di Alghero ha contribuito a far rientrare ad Alghero dopo dieci anni, il Premio Alghero Donna, premiando Vanessa Roggeri, Marella Giovannelli e “Giulia-Sardegna”, l'associazione di giornaliste che da anni porta avanti una battaglia sul corretto uso del linguaggio di genere e contro gli stereotipi. La Commissione Pari opportunità del Comune di Alghero ha, inoltre aderito alla terza annualità della rete “Generiamo parità”, per un lavoro di prevenzione della violenza nelle scuole.
Commenti
15:23 video
Ecco le impressioni del rappresenante catalano ad Alghero Gustau Navarro i Barba, del sindaco Mario Conoci, dell´ex primo cittadino Stefano Lubrano, del consigliere comunale Roberto Trova e degli sportivi Antonio Baldino e Luca Nurra rilasciate ai microfoni del Quotidiano di Alghero
12:36 video
Notte di scontri e disordini in Catalogna. Non si accenna a placare la protesta degli oltre 500mila indipendentisi, che sta causando disordini e caos nella città di Barcellona. La città è stata messa a ferro e fuoco. Nel frattempo, la Farnesina ha condiviso alcune raccomandazioni da seguire, consigliando di evitare le zone interessate dalla protesta. Le immagini. Nel frattempo manifestazioni pacifiche si svolgono in molte parti d´Europa, compresa la piccola Barcellona di Sardegna, Alghero.
17/10/2019
Questo certamente non mette nella giusta luce gli attori, i temi trattati e anche le risoluzioni, in più i termini usati fanno precipitare la nobile politica alle cionfre da bar o da festa campestre
17/10/2019
Quanto accaduto nell’autunno 2017 non fu altro che una protesta civile e non violenta per difendere il proprio diritto all’autodeterminazione. E questo porta a una seconda considerazione importante
© 2000-2019 Mediatica sas