Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotizieoristanoSpettacoloCinema › Ad Asuni l´anteprima di Terrediconfine
Red 28 dicembre 2018
Questa sera, al Mea, il direttore artistico Marco Antonio Pani presenta le anticipazioni sull’edizione 2019 del festival cinematografico. Seguirà la proiezione di “Bear story”, il corto cileno vincitore della Migliore animazione agli 88esimi Academy awards
Ad Asuni l´anteprima di Terrediconfine


ASUNI - Arriva ad Asuni la speciale anteprima del “Terrediconfine film festival”: oggi (venerdì), alle 17.30, i locali del Mea ospiteranno la proiezione di “Historia de un oso”, un’opera del regista cileno Gabriel Osorio conosciuta nel mondo come “Bear story”, premio Oscar nella categoria Miglior cortometraggio d'animazione agli 88esimi Academy awards. Storia di un orso darà il via alla 12esima edizione della kermesse cinematografica dedicata al confronto ed all’incontro fra realtà apparentemente lontane, che nel marzo 2019 coinvolgerà numerosi centri dell’Oristanese con un ricco calendario di appuntamenti. A presentare le anticipazioni sui temi, i contenuti e gli ospiti di questa nuova edizione sarà il regista Marco Antonio Pani, alla sua seconda esperienza consecutiva come direttore artistico del Terrediconfine, dopo l’ottima riuscita dello scorso anno.

La manifestazione, organizzata dall’associazione Su Disterru, con la Regione autonoma della Sardegna, i Comuni di Asuni e di Solarussa ed il consorzio “Sa perda ‘e Iddocca”, quest’anno sarà dedicata al tema della “Libertà in tutte le sue declinazioni”: libertà di pensiero, d'espressione, fisica, religiosa, economica, geografica, linguistica, sessuale ed artistica. «Quello della dittatura è forse il concetto che più di ogni altro evoca l'immagine della negazione di libertà – ha affermato Pani – e fra le dittature del passato recente che maggior eco hanno avuto in Sardegna, quella sanguinosa di Augusto Pinochet ha sicuramente un posto d'onore. E questo anche per via dell’amicizia con gli Inti-Illimani, il gruppo musicale cileno che negli Anni Ottanta, a causa delle proprie idee politiche, aveva dovuto auto-esiliarsi in Italia per evitare rappresaglie, stringendo importanti rapporti con la nostra Isola».

Il paese ospite dell’edizione 2019 sarà proprio il Cile. Non a caso, il festival ha scelto il capolavoro di Osorio per inaugurare l’evento. “Historia de un oso”, il racconto animato di un vecchio orso impegnato tutti i giorni ad esibirsi per strada in un piccolo teatro autocostruito, è in realtà ispirato alla storia di Leopoldo Osorio, nonno del regista, un uomo che dopo il colpo di Stato del 1973 in Cile finì in prigione per due anni e, attraverso varie peripezie, andò in esilio in Inghilterra. Dopo il film, alle 18.30, la serata proseguirà con una castagnata in piazza, promossa dal Comune di Asuni.

Nella foto: il direttore artistico Marco Antonio Pani
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas