Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter
Cagliari OgginotiziecagliariSportNuoto › Nuoto: Secci trionfa sul Lago Maggiore
Red 4 settembre 2018
Francesca Secci concede il bis nelle acque libere. La nuotatrice della SaSpo taglia per prima il traguardo anche in Piemonte e mette una grossa ipoteca sulla vittoria finale nel circuito italiano
Nuoto: Secci trionfa sul Lago Maggiore


CAGLIARI - Francesca Secci concede il bis nelle acque libere. La nuotatrice della SaSpo taglia per prima il traguardo anche in Piemonte e mette una grossa ipoteca sulla vittoria finale nel circuito italiano. Sul tratto del Lago Maggiore compreso tra Angera ed Arona, si sono riversati numerosi appassionati (agonisti, non agonisti e bambini), che hanno voluto festeggiare la manifestazione, giunta alla 25esima edizione.

Sul fronte paralimpico, oltre all’atleta selargina, hanno dato la loro adesione le amiche avversarie Rosanna Brunetti e Chiara Vellucci. Ed in più, sulla sponda maschile, le attenzioni erano focalizzate su Federico Morlacchi, per due anni compagno di allenamenti di Francesca, reduce dagli Europei di Dublino, dove ha incamerato quattro medaglie d’oro. Con lui, anche un altro big della Finp, Roberto Pasquini. Eppure, il giorno prima la buona riuscita del ritrovo natatorio era in forse, causa la pioggia. Ma repentina è stata poi la comparsa del sole nel pomeriggio, che ha consentito di scaldare ulteriormente lo specchio d’acqua.

«Non c’era vento e questo mi ha permesso di cominciare molto bene; al contrario il ritorno verso Arona è stato più complicato – ammette Francesca Secci – perché col sole in faccia non riuscivo a trovare la rotta; e in più, a mezzo chilometro dall’arrivo ho accusato fatica, forse perché non abituata a competere sulle acque dolci. Ma quando mi sono accorta che diversi avversari non paralimpici si avvicinavano sempre di più, ho stretto i denti riuscendo a gestirmi nel migliore dei modi».

Nelle competizioni in acque libere non esistono categorie tra i tesserati Finp, quindi il tempo finale realizzato subisce un ricalcolo ad hoc che si ispira ad una tabella comparativa. Può capitare quindi che l’ordine di arrivo possa essere rivoluzionato. Ma non è il caso di Secci, che oltre ad essere stata la più brava tra le paralimpiche, ha avuto la benedizione dalla matematica. Ora c’è molta adrenalina in vista della chiusura con il botto: la “Freedom in water” di sabato 15 e domenica 16 settembre. Francesca Secci non vuol farsi sfuggire il titolo italiano, che si assegna esclusivamente nelle acque sarde di Cannigione. «Ho ripreso con piscina e palestra, so che in Gallura arriveranno tanti campioni, tra cui Carlotta Gilli (cinque medaglie d’oro ai Mondiali 2017 in Messico), e sebbene sia di una categoria diversa dalla mia, farò il possibile per non sfigurare», conclude la nuotatrice selargina.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas